Richiesta d’asilo: aumentano nel 2018 in Italia i dinieghi

Roma, 8 marzo 2018

Sono stati resi noti dal CIR, il Consiglio Italiano per i Rifugiati, i dati rielaborati su asilo e immigrazione in Italia nel 2017 insieme a quelli dei primi mesi del 2018.

Quello che colpisce maggiormente è la conferma dell’aumento della percentuale totale dei dinieghi da parte delle Commissioni territoriali che nel mese di gennaio 2018 raggiunge il 60%, a fronte di una media del 52% dell’intero 2017. Tra le forme di protezione, aumenta quella umanitaria che sale al 28%, contro un 25% del 2017. Un trend significativo, soprattutto se letto in relazione agli effetti della cosiddetta riforma “Minniti-Orlando”, ma che risulta confermato anche dal confronto con la tendenza europea che, sempre nel mese di gennaio 2018, vede un aumento del 7% degli esiti negativi rispetto all’interno 2017, raggiungendo il 67%.

Nel nostro paese, il maggior numero di decisioni, per lo più negative, hanno avuto come destinatari richiedenti di nazionalità nigeriana, seguono Bangladesh, Pakistan, Mali, Gambia e Senegal.

Nel 2017 le nazionalità che hanno beneficiato maggiormente delle diverse forme di protezione si confermano Somalia, Siria, Eritrea, Afghanistan, Iraq e il Salvador, con esiti positivi superiori al 90%.

Sul fronte degli ingressi irregolari, i dati aggiornati all’8 marzo 2018 presentano un calo del 75% rispetto allo stesso periodo del 2017 (5.457 arrivi contro 15.483). Le nazionalità maggiormente rappresentate risultano essere l’Eritrea (24%) e la Tunisia (20%), seguite da Nigeria (6%) e Pakistan (5%).

Per maggiori informazioni: http://www.cir-onlus.org/statistiche/

sentiti libero di condividere su...

Lascia un commento