“Ero straniero”: incontro sulla proposta di riforma del TU sull’immigrazione

Alessandria, giovedì 14 settembre 2017

Il sistema italiano delle norme sull’immigrazione, raccolte nel Testo Unico D.Lgs. 286/98, e l’attuale proposta di riforma d’iniziativa popolare che lo riguarda, sono stati al centro dell’ultimo appuntamento dei pomeriggi di Italians for Dummies, presso la nostra struttura di prima accoglienza di Via Santa Gorizia, 22, in collaborazione con il comitato locale della campagna “Ero Straniero” e della capofila Associazione Adelaide Aglietta di Torino.

L’incontro, rivolto agli ospiti ed opertori di APS Social Domus, ha toccato, tra gli altri, i seguenti punti chiave:

  • l’attuale disciplina che regola il permesso di soggiorno di lungo periodo, in particolare l’impossibilità di convertire un permesso di soggiorno temporaneo in uno per motivi di lavoro subordinato per quei richiedenti asilo che ricevono il cosiddetto “doppio diniego”: anche per questa fattispecie, la proposta di riforma introduce forme di regolarizzazione su base individuale che tengono conto dell’effettiva esistenza di un’attività lavorativa;
  • il meccanismo delle quote annuali dei flussi d’accesso degli stranieri (ex art. 3, comma 4, TU) e la corrispondente proposta di modifica;
  • l’equiparazione per gli stranieri regolari dell’accesso alle prestazioni di sicurezza sociale (assegno di
    natalità, indennità di maternità di base, sostegno all’inclusione
    attiva ecc.), senza il requisito del permesso di lungo periodo;
  • in cosa consiste il reato di clandestinità e la sua proposta di abolizione.

Nonostante l’argomento denso, i nostri beneficiari hanno apprezzato l’occasione di ricevere un panoramica più completa, seppur per punti chiave, su che cosa significhi essere straniero in Italia, e mostrato interesse riguardo le norme che ne regolano la condizione, al di là della richiesta d’asilo, dell’ottenimento o del diniego dello stesso.

Un momento per accrescere la consapevolezza del ruolo attivo che, in misura sempre maggiore negli ultimi anni, gli stranieri ricoprono nel nostro paese.

sentiti libero di condividere su...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *